homepage lo studio the firm who we are chi siamo mappa email homepage where we are email homepage
Utilizzano i nostri servizi
Partners
STIR - Gestione Presenze
PARCO TURISTICO
MANUALE DEL LAVORO 2015
Imposta di Soggiorno
MANUALE DEL LAVORO 2013
Legge Regionale sul Turismo
MANUALE DEL LAVORO 2012
FORTI & MUSEI DELLA COSTA
e-book CODICE TURISMO
NAUTICA & FISCO
e-book QUALITA' DEL LAVORO
e-book TRAFF. MEDITERRANEO
Schema Normativo AIE
Privacy policy
Link
password
Come ottenere username e password






rassegna stampa novità fiscali scadenze fiscali circolari

Cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante per interventi di efficienza energetica
Venerdì, 25 Maggio , 2018
Con la circolare n. 11/E del 18 maggio 2018 l’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti in merito all’ambito applicativo della cessione del credito d’imposta per gli interventi di efficienza energetica anche alla luce delle modifiche introdotte dalla legge di Bilancio 2018. Tale credito può essere ceduto da tutti i soggetti teoricamente beneficiari della detrazione, anche se non tenuti al versamento dell’imposta. La possibilità di cedere la detrazione, pertanto, interessa coloro che sostengono le spese in questione compreso chi non potrebbe fruire della corrispondente detrazione in quanto l’imposta lorda è assorbita dalle altre detrazioni o non è dovuta. La disposizione riguarda, inoltre, i soggetti Ires e i cessionari del credito che, a loro volta, possono cedere il credito ottenuto. I soggetti a favore dei quali può essere effettuata la cessione del credito sono: i fornitori dei beni e servizi necessari alla realizzazione degli interventi agevolabili; gli altri soggetti privati, compresi i soggetti che esercitano attività di lavoro autonomo o d’impresa, anche in forma associata; le banche e gli intermediari finanziari nelle sole ipotesi di cessione del credito effettuate dai soggetti che ricadono nella no tax area. La Ragioneria Generale ha chiarito che la cessione del credito deve intendersi limitata ad una sola eventuale cessione successiva a quella originaria. Inoltre, per altri soggetti privati, deve intendersi i soggetti diversi dai fornitori, sempreché collegati al rapporto che ha dato origine alla detrazione. La normativa non individua gli istituti di credito e gli intermediari finanziari esclusi dal novero dei cessionari. A titolo di esempio risultano esclusi i Confidi con volumi di attività pari o superiori ai 150milioni di euro, le società fiduciarie, i servicer delle operazioni di cartolarizzazione e le società di cartolarizzazione. Il credito risulta cedibile nei confronti degli organismi associativi, compresi i consorzi e le società consortili, nei confronti delle Energy Service Companies (ESCO) e le società di servizi energetici (SSE) accreditate presso il GSE. Sono fatte salve le cessioni dei crediti avvenute prima del 18 maggio 2018 cioè quelle antecedenti alla pubblicazione della presente circolare.
(Vedi circolare n. 11 del 2018)

| copyright Studio Commercialista PIERGIORGIO BAROLDI | partita iva: 02803430277| site by metaping | admin |