homepage lo studio the firm who we are chi siamo mappa email homepage where we are email homepage
Utilizzano i nostri servizi
Partners
STIR - Gestione Presenze
PARCO TURISTICO
MANUALE DEL LAVORO 2015
Imposta di Soggiorno
MANUALE DEL LAVORO 2013
Legge Regionale sul Turismo
MANUALE DEL LAVORO 2012
FORTI & MUSEI DELLA COSTA
e-book CODICE TURISMO
NAUTICA & FISCO
e-book QUALITA' DEL LAVORO
e-book TRAFF. MEDITERRANEO
Schema Normativo AIE
Privacy policy
Link
password
Come ottenere username e password






rassegna stampa novità fiscali scadenze fiscali circolari

La mini-voluntary apre le porte a chi è ritornato all’estero
Marco Piazza - Il Sole 24 Ore - pag. 21
Possono accedere alla mini-voluntary al 3% che consente di sanare i mancati obblighi di monitoraggio fiscale i contribuenti rientrati in Italia dopo essere stati fiscalmente residenti all’estero e iscritti all’Aire o che abbiano lavorato in modo continuativo in una zona di frontiera, anche se sono tornati poi ad essere frontalieri o residenti all’estero. Non possono accedere alla sanatoria coloro che hanno ricevuto la notifica di avvisi di accertamento o atti di contestazione relativi alle attività e alle annualità oggetto di regolarizzazione. Questa preclusione non vale, invece, per chi ha ricevuto inviti, questionari, processi verbali di constatazione o avvisi bonari dalla liquidazione delle imposte e dal controllo formale delle dichiarazioni. E’ quanto si legge nella circolare n. 12/E/2018 di ieri che illustra le modalità di adesione alla sanatoria in scadenza il 31 luglio. La sanatoria del 3% non è consentita per le somme e le attività già oggetto della prima e della seconda voluntary disclosure. (Ved. Anche Italia Oggi: ‘Mini-voluntary, regole rigide’ – pag. 35)
| copyright Studio Commercialista PIERGIORGIO BAROLDI | partita iva: 02803430277| site by metaping | admin |